venerdì 21 dicembre 2012

Il puntale del mio albero!





Arrivo in tempo? Forse si. E’ la domanda che mi pongo in questi giorni... da un bel po’ di giorni. Perché il tempo che passa e  le date, le scadenze ci danno il loro bel da fare. E se decido di riscrivere oggi ,  giornata nazionale della fine del mondo, il motivo è che non voglio andarmene senza aver ricordato e condiviso un ricordo di natale magico, un natale di tanto tempo fa  che so non tornerà più.
Il giorno di natale la mia famiglia si riuniva tutta a casa di mia nonna paterna. Arrivavo correndo e spalancavo la porta secondaria , quella della cucina,  accolta da fumi e vapori odorosi che erano già presagio di cose buone. L’abbraccio con mia nonna, il mio viso sul quel suo maglione ruvido e intriso di sugo e frittura, confermavano tutto: dal primo all’ultimo piatto. Il camino acceso e scoppiettante   mi preoccupava non poco. “Ma come farà babbo natale a passarci” mi domandavo scrutando il pezzetto chiaro, in alto in cima alla canna fumaria stretta e buia.  La stanza adiacente era la mia preferita: nell’angolo , su un tavolino, svettava un alberello, ricco e guarnito di palle colorate di varie dimensioni. Sulla cima, il puntale: blu, scintillante, un pò pendente. Il tavolo lunghissimo, grande, immenso  era già apparecchiato e nell’attesa di metterci a tavola , saltellavo  sul  pavimento dalle forme geometriche, il gioco preferito. I miei piedi dovevano centrare l’una o l’altra figura, senza calpestare le linee. All’improvviso il segnale: “A tavola! E’ pronto!” E cosi , dalle altre stanze , per magia, zii e cugini si materializzavano e sedie, bicchieri e forchette prendevano vita non prima di aver detto la preghiera. Il mio sguardo però tornava sempre  al puntale : “E se cade nonna”? Mi tranquillizzava  e ancora una volta si alzava per aggiustarlo nel migliore dei modi: “Ora non cadrà” mi diceva  e per me la festa poteva iniziare. Poi, non so cosa sia accaduto ma nessun natale è stato più come quello. Non che siano stati brutti ma diversi. Molti dei commensali sono andati lontano,  alcuni cosi lontano da non tornare più. Ogni tanto, come oggi, penso a quella sala: vuota, il tavolo come rimpicciolito, i miei piedi  che ricoprono molto più di una mattonella. Intorno a quel tavolo solo silenzio. La magia è svanita ma è viva se penso ai  volti, ai brindisi strampalati, le urla di noi bambini e  l’allegria della vita che si consumava tutta  attorno ad esso. Momenti di vera condivisione.  Oggi non vi lascio con una ricetta ma una  cartolina che spero possa donare un barlume di speranza e di gioia nei momenti un po’ cosi. Che possa essere un auspicio e una nuova partenza sempre, nelle difficoltà e  per tutti i giorni dell’anno. Che possa aiutarvi a pensare che il puntale può pendere ma sta a noi non farlo cadere.  Auguri di ogni bene!
fulvia

13 commenti:

  1. Che belli i ricordi dei Natali passati, mi hai fatto scendere una lacrimina... auguri di cuore.
    Stregavera

    RispondiElimina
  2. In fin dei conti è grazie ai ricordi che tutti quelli che amiamo rimangono per sempre con noi..mi sono commossa..
    Ti auguro di passare giornate serene e piene d'amore. Buon Natale ! Un abbraccio !

    RispondiElimina
  3. A me il puntale si è rotto, quest'anno.
    Vorrà dire qualcosa?

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver condiviso questi momenti così personali e commoventi! E, già che ci sono, tanti tanti tanti carissimi auguri!

    RispondiElimina
  5. La nonna a natale che ti accoglie in grembiule tutta puzzolente di cucina... questo e' il mio ricordo d'infanzia... anche se adesso a natale nn ci vediamo mai, mi rifaccio le altre volte con le sue frittelle di baccala' leggere e cicciose...
    Un buon natale e felice feste, auguri di cuore.

    RispondiElimina
  6. Tanti auguri a te, al tuo maritino, al tuo piccolino ed ai due pelosetti! Spero che un pò di magia ci sia in questo Natale e che tu sia felice :D
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  7. bello questo tuo spezzone di vita, buon Natale, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Che post dolcissimo! Mi hai fatto ricordare le mie nonnine e quando cercavo di mimetizzare il cespuglio che ho in testa con i rami di pino dell'albero di Natale, per sbirciare nei pacchi da aprire la Vigilia ;-). Cara, auguri di ogni bene a te!!! Con il cuore.

    RispondiElimina
  9. Come sei cara.. i tuoi ricordi sono dolcissimi così come il tuo pensiero. Ci hai donato veramente del calore, della luce.. E capisco bene come ti puoi sentire sai.. io sono molto malinconica di questi tempi. Ti abbraccio stretta e non potevi farci dono migliore... Un bacione sincero, amica dolce. I miei migliori auguri per un Natale splendido!

    RispondiElimina
  10. Adoro i ricordi di Natale :)!!!Pensa che l'altro giorno il mio gatto ha fatto cadere l'abero intero...una strage...il puntale si è salvato però!! Ti faccio mille auguri di buone feste da domani...vacanza :)!!! un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. I nonni, che preziosa ricchezza, che aria fondamentale per la famiglia. Chissà noi che nonne saremo? Saremo grandi come loro? me lo domando spesso e ringrazio Dio tutti i giorni per avermeli dati. I momenti che rimangono nel cuore e nella mente sono quelli veri che ci accompagneranno per sempre. Allora io vorrei farti un augurio per questo Natale: spero che sia per te uno dei mattoncini per costruire la casa dei ricordi futuri, così che tra venti anni potrai guardare indietro e avere il dolce pensiero dell'oogi come quello che hai di tanti anni fa. un abbraccio

    RispondiElimina
  12. a tutte, ma proprio a tutte voi che siete passate di qui, un sereno natale. Il mio quest'anno è un pò cosi e perdonatemi se non aggiungo altro. Spero di ritornare a voi ancora con un sorriso. Felici feste, fulvia

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il blog che è davvero molto carino e ben strutturato, vado ad unirmi ai tuoi lettori fissi!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...